Insignia: avanti tutta con il Gruppo Api Sparse

Gruppo Api Sparse > Blog > Blog > Insignia: avanti tutta con il Gruppo Api Sparse

Vi abbiamo dato notizia, lo scorso mese di febbraio, del Progetto europeo Insignia e della ricerca di 12 apicoltori nel Lazio interessati a partecipare in forma volontaria al progetto, per valutare l’effetto dei pesticidi sulle api (vai alla notizia).

I nostri soci, selezionati per partecipare alla ricerca, stanno ricevendo in queste settimane il materiale per il campionamento.

In particolare, Barbara Giretti ci aggiorna cortesemente sul lavoro che sta svolgendo nel suo apiario a Colleferro, in provincia di Roma (l’immagine a corredo di questa notizia è stata scattata a gennaio).

Il materiale in dotazione consiste in:

  • manuale,
  • sacchetti di varie dimensioni per depositare i campioni raccolti,
  • ApiStrips (speciali strisce di plastica rivestite con una sostanza progettata per assorbire i residui chimici),
  • clips per l’inserimento delle strisce,
  • adesivi per identificare gli alveari,
  • tappo dosatore per quantificare la consistenza minima del polline raccolto,
  • matita per scrivere sulle etichette,
  • etichette personalizzate per i vari campioni.

Dieci i turni di campionamento previsti: nel primo (dal 16 al 19 aprile) sono state individuate le famiglie da campionare e sono state inserite le prime ApiStrips – una per alveare – che rimarranno in loco per due settimane.

Nel secondo turno (dal 30 aprile al 3 maggio) si sostituiranno le ApiStrips e si attiveranno le trappole per la raccolta del polline, che avverrà in una giornata. Nel caso in cui la quantità di polline raccolto, misurata con il tappo dosatore, dovesse risultare scarsa, le trappole saranno lasciate per un secondo giorno per poi essere disattivate, fino al successivo campionamento.

Vi aggiorneremo sui passi successivi. Continuate a seguirci.

 

 

Ricerca

Api al sicuro

X